I COMPITI


  • creare sinergia tra i CPO delle libere professioni e/o i relativi Coordinamenti costituiti a livello locale, regionale e interregionale;
  • individuare forme di collaborazione tra categorie professionali sul tema delle pari opportunità;
  • elaborare proposte atte a creare e favorire effettive condizioni di pari opportunità nell’accesso e nella crescita dell’attività professionale, anche coordinando le iniziative con Organismi analoghi operanti a livello istituzionale, regionale e locale;
  • diffondere le buone prassi locali portandole a sistema;
  • interagire e coinvolgere gli Ordini professionali locali, i Coordinamenti PO provinciali, l’Università, la regione Veneto e gli Organismi nazionali sulle problematiche di pari opportunità connesse (accesso, organizzazione, conciliazione tempi lavoro-famiglia, attività, ricerche ecc);
  • proiettare sul territorio gli obiettivi prefissi che rafforzino il ruolo di donne e giovani realizzando così un effetto trascinamento su qualità e partecipazione;
  • promuovere incontri di formazione sulle pari opportunità, al fine di diffonderne la cultura di rappresentanza e valorizzare le differenze di genere;
  • elaborare progetti per il rilancio della crescita economica in attuazione alle politiche europee (Fondi Sociali Europei) coinvolgendo i soggetti preposti (es. Camera di Commercio, Regione Veneto, ecc) tenuto conto dell’equiparazione dei professionisti alle Piccole Medie Imprese nonché delle misure riservate all’imprenditoria femminile